Blog

CLASSIC LIST

Direttiva-2013-59-Euratom.jpg

30 Luglio, 2020 News

Il Consiglio dei Ministri ha approvato, in esame definitivo, un decreto legislativo di attuazione della direttiva 2013/59/Euratom, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Il decreto, oltre a recepire nel nostro ordinamento la direttiva, provvede a riordinare e armonizzare la normativa di settore, assicurando il mantenimento delle misure di protezione dei lavoratori e della popolazione più rigorose rispetto alle norme minime stabilite dalla medesima direttiva.

Tra le novità, nell’ottica di una più ampia tutela dei lavoratori esposti a fattori di rischio, la direttiva prevede tra l’altro che il responsabile della sorveglianza sanitaria possa richiedere che la sorveglianza prosegua anche dopo l’esposizione, per il periodo di tempo che ritiene necessario per proteggere la salute del lavoratore e, inoltre che informi il lavoratore stesso riguardo all’opportunità di sottoporsi ad accertamenti sanitari anche dopo la cessazione dell’attività lavorativa come avviene già oggi per l’esposizione all’amianto.

La sorveglianza sanitaria in corso del rapporto di lavoro resta a carico del datore di lavoro, mentre gli accertamenti sanitari riferiti ad un momento successivo alla cessazione del rapporto di lavoro resteranno a carico del servizio sanitario nazionale.

Il testo tiene conto dei pareri espressi dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome e dalle competenti Commissioni parlamentari.

Tra le novità in materia di Radon, il recepimento dei limiti di esposizione per i luoghi di lavoro e per la abitazioni.

 

Comunicato stampa del Consiglio dei Ministri

Niton-Restart-2020_Radon_Niton-1200x711.jpg

21 Aprile, 2020 News

Se c’è una cosa che questa emergenza ci sta insegnando è che, per poter ripartire, ognuno di noi deve dare il proprio contributo. Perché solo ripartendo tutti assieme, con comportamenti individuali responsabili e con solidarietà, la rinascita sarà possibile.

Niton, per questo, ha deciso di intraprendere nei prossimi mesi delle iniziative in favore dei propri Clienti, vecchi e nuovi.

Il primo di questi interventi è uno sconto del 10 % su tutti i dispositivi FIDOtrack per il monitoraggio del gas Radon fino a fine Maggio 2020. Lo sconto sarà applicato sia ai listini prezzi presenti su www.radonmarket.com sia, in automatico, ai contratti di fornitura già in essere, per tutti gli ordini ricevuti fino al 31 Maggio 2020.

Speriamo, nel nostro piccolo, che questo possa favorire i professionisti che, nei mesi scorsi, hanno scelto di affidarsi a noi per le campagne di monitoraggio del Radon e che, in questo periodo, si trovano a dover avviare le campagne di misura per il secondo semestrale presso i propri Clienti.

Sarà nostra cura inviare a ciascuno dei nostri Clienti l’aggiornamento del listino applicato.
Il piccolo contributo che ognuno di noi potrà dare, ci permetterà di rialzarci con forza ed orgoglio.


ERA-Radon-Week-2020-1200x383.jpg

27 Febbraio, 2020 News

Siamo presenti all’European Radon Week 2020 di Vienna.

Una settimana dedicata al Radon, dove sono presentati gli ultimi risultati scientifici e dove si lavora per l’armonizzazione dei metodi di misura del Radon. Un’occasione importante per confrontarci e per comprendere quello che accade negli altri stati dell’Unione Europea, soprattutto in questo momento in cui, finalmente, il recepimento della Direttiva 2013/59/Euratom è quasi al traguardo.
Noi siamo pronti a raccogliere questa nuova sfida.


CDM-ATTUAZIONE-DI-NORME-EUROPEE.jpg

3 Febbraio, 2020 News

Il Consiglio dei Ministri del 29 Gennaio 2020, su proposta del Ministro per gli affari europei Vincenzo Amendola e dei Ministri competenti, ha approvato, in esame preliminare, sette decreti legislativi che, in attuazione della legge di delegazione europea 2018 (legge 4 ottobre 2019, n. 117), introducono misure necessarie al recepimento di direttive dell’Unione europea.

Tra queste la tanto attesa attuazione della direttiva 2013/59/EURATOM, che stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti, e che abroga le direttive 89/618/Euratom, 90/641/Euratom, 96/29/Euratom, 97/43/Euratom e 2003/122/Euratom (Ministro della salute – Ministro dello sviluppo economico – Ministro del lavoro e delle politiche sociali – Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare), il cui termine di recepimento è scaduto quasi due anni fa (il 6 febbraio 2018).

Ricordiamo che la direttiva 2013/59/EURATOM stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti. tra le quali quelle emesse dal Radon e dai suoi prodotti di decadimenti che, solo in Italia, causano oltre 3.200 morti all’anno.

Ora il decreto di attuazione dovrà passare nuovamente in CDM per l’approvazione definitiva dopodiché sarà pubblicato in Gazzetta Ufficiale. Ma il percorso ormai è segnato e i tempi non dovrebbero essere lunghi.

Comunicato stampa del CDM n. 26 del 29/01/2020

 

 

 


NITON-BFS-INTERCOMPARISON.jpg

2 Giugno, 2019 News

L’Istituto tedesco BFS ( Bundesamt für Strahlenschutz) organizza periodicamente una Prova di Interconfronto e Test di Affidabilità sui dispositivi passivi di misura del Radon, alla quale partecipano numerosi Laboratori di misura del Radon di tutta Europa.

La prova consiste nell’invio, da parte del laboratorio partecipante, di un set di rivelatori per la misura del Radon (nel caso di Niton, sono stati inviati i rivelatori a tracce FIDOTrack). I rivelatori vengono suddivisi casualmente in 4 gruppi ed esposti a 4 livelli di esposizone differenti. Sono poi restituiti al laboratorio ilo quale, dopo l’analisi degli stessi, comunica al BFS i risultati.

Successivamente il BFS comunica i valori a cui sono stati esposti i rivelatori ed errore relativo e deviazione standard dei risultati comunicati da ciascun laboratorio.

La scorsa settimana è stata trasmessa dal BFS la bozza con i risultati della prova, e siamo orgogliosi di annunciare che Niton è risultato uno dei migliori laboratori a livello europeo.

In particolare l’errore relativo di misura è stato entro il ± 4% su tutto il range di esposizione che ha caratterizzato la prova.


Radon-Krakow.jpeg

27 Maggio, 2019 News

Sono iniziati oggi i lavori della Terza Conferenza Internazionale sul Radon di Cracovia, in Polonia, di cui Niton è sponsor ufficiale.

Una settimana intera dove i maggiori esperti a livello mondiale di Radon parleranno delle ultime novità in ambito normativo, tecnico e operativo sulla misurazione, monitoraggio, mitigazione e bonifica di questo gas naturale così nocivo per la salute delle persone.

In occasione di questa conferenza internazionale Niton lancia la nuova piattaforma e-commerce RadonMarket.com. Un progetto ambizioso che ha l’obiettivo di offrire ai professionisti (ma non solo) che si occupano di Radon uno spazio dove trovare tutto quanto può servire per la sua gestione, dalla misurazione alle soluzioni per la bonifica, ma anche guide tecniche, manuali di istruzioni, suggerimenti, recensioni, consigli.

#Radon #RadonMarket #Niton

 


StrisciaLaNotizia.png

23 Maggio, 2019 News

Ancora una volta i giovani esprimono una grande sensibilità verso temi su cui gli adulti sono distratti.

E’ il caso di Eric Barbizzi 15 anni, che ieri sera, a Striscia la Notizia, ha presentato un bel servizio sul Radon. Ed è giusto che siano anche le nuove generazioni a preoccuparsi del problema, perché sono quelle maggiormente capaci di guardare al futuro e di desiderare che i problemi del presente vengano risolti.

E quando parliamo di Radon non possiamo dimenticare che i suoi effetti nocivi per la salute si manifestano dopo parecchi anni e sono principalmente causati da lunghe esposizioni a basse concentrazioni  (l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha dichiarato che per concentrazioni superiori a 100 Bq/m3 i rischi dovuti al Radon non possono essere considerati trascurabili).

Parlare di Radon è parlare di prevenzione. Prevenzione è misurarlo ed intraprendere, dove necessario, le giuste azioni di mitigazione e bonifica.

Parlare di Radon è parlare dell’aria che respiriamo, e tutti vogliamo essere sicuri che sia sana.

GUARDA IL SERVIZIO DI STRISCIA LA NOTIZIA

#Radon #Niton


RITARDI-DIRETTIVA-EURATOM.jpg

26 Febbraio, 2019 News

Il sottosegretario alla Salute, Luca Coletto, ha risposto all’interrogazione parlamentare del 21 Febbraio 2019 del deputato Andrea Cecconi sul recepimento della direttiva 2013/59 EURATOM riguardante i nuovi limiti per l’esposizione alle radiazioni ionizzanti.

Secondo quanto dichiarato dal sottosegretario “i lavori finalizzati al recepimento della Direttiva in questione sono iniziati nel giugno 2014 presso il Ministero dello sviluppo economico”

“Le ragioni, estremamente tecniche, che hanno ostacolato, finora, l’auspicato recepimento, hanno riguardato l’individuazione delle «autorità competenti», nonché la definizione del sistema sanzionatorio e l’assicurazione, da parte del Ministero dell’Economia e delle Finanze, della effettiva assenza di oneri in relazione alle nuove disposizioni.

Il deputato Andrea Cecconi ha evidenziato che il mancato recepimento della direttiva 2013/59 EURATOM comporta una procedura d’infrazione e non tutela pienamente dai rischi connessi all’esposizione al Radon. Ma soprattutto ha fatto notare che la risposta all’interrogazione fornita dal sotosegretario Coletto non fornisce indicazioni temporali rispetto alla conclusione del confronto tecnico in atto tra i diversi ministeri interessati.

E intanto il nostro cronometro va avanti…

 

Leggi l’articolo su quotidianosanita.it


Niton-Radon-Enea-Casaccia.jpeg

22 Febbraio, 2019 News

Ieri i nostri Professionisti del Radon, Ing. Gianluca Troiano e Ing. Seyed Reza Hosseini, hanno avuto l’occasione di visitare la Radon Calibration Facility dell’Istituto Nazionale di Metrologia delle Radiazioni Ionizzanti (ENEA-INMRI).

Per i nostri professionisti è stata un’esperienza importante, anche alla luce della Camera Radon STAR che è stata progettata da Niton e che sarà presto installata in una nuova facility.

In uno dei laboratori infatti è operativa una Camera Radon per la calibrazione e la taratura, in atmosfera controllata, degli strumenti (attivi e passivi) che misurano la concentrazione di Radon in aria.

Altre facility presenti sono quella per la calibrazione e taratura di strumenti per la misura della concentrazione di Toron in aria,  quella per la misura della concentrazione di Radon in acqua, quella per la preparazione di campioni di acqua a concentrazione nota di Radon e quella per la misura dei prodotti di decadimento del Radon.

Il Dott. Francesco Cardellini, responsabile del centro di taratura, ha guidato la visita nei laboratori del centro.

 


RITARDO-DIRETTIVA-EURATOM.jpg

18 Febbraio, 2019 News

Abbiamo già scritto in merito al parere motivato che la Commissione Europea ha inviato all’Italia il 24 gennaio scorso, chiedendo il recepimento della direttiva 2013/59/Euratom del Consiglio.

Tale Direttiva stabilisce norme fondamentali di sicurezza relative alla protezione contro i pericoli derivanti dall’esposizione alle radiazioni ionizzanti (Radon incluso). Protezione significa conoscere e misurare il Radon per poterlo bonificare ed eliminare il problema.

L’Italia ha due mesi per rispondere al parere motivato e comunicare le sue misure di recepimento, trascorsi i quali la Commissione potrà decidere di deferire il caso alla Corte di giustizia dell’UE.

A sollecitare il governo anche il senatore Francesco CASTIELLO, il quale durante la seduta del 12 febbraio 2019, ha chiesto ai Ministri dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare e della salute in tema di rischio Radon:

  • se i Ministri in indirizzo siano a conoscenza della elevatissima pericolosità di questo inquinante;
  • se ritengano che la popolazione sia stata adeguatamente informata sui rischi correlati e sulle azioni di bonifica e quali iniziative di informazione siano state attuate;
  • quali iniziative siano state assunte per affrontare il problema della esposizione al radon;
  • se esista una precisa geolocalizzazione delle zone a maggiore concentrazione;
  • quali siano le attività attualmente in essere al fine di proteggere la popolazione da tale gas;
  • quali siano i motivi del mancato recepimento della direttiva.

Su quest’ultimo punto, anche i professionisti di Niton si stanno chiedendo quali siano i motivi di tanto ritardo (ricordiamo che il Radon è la causa di circa 3200 motri all’anno solo in Italia, secondo quanto accertato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità e dell’Istituto Superiore di Sanità italiano).

Abbiamo allore deciso di mettere in evidenza, sul nostro sito Niton – Specialisti del Radon, un cronometro che registra il ritardo dell’Italia rispetto all’obbligo di recepimento della direttiva 2013/59/Euratom del Consiglio.

Chi è il senatore Francesco CASTIELLO

l’interrogazione del senatore Francesco CASTIELLO

Il team NITON nasce nel 2017 dalla volontà di creare un gruppo di persone che si sono scelte, unite dalla condivisione degli stessi valori professionali ed umani: dedizione al lavoro, onestà intellettuale, etica e rispetto dell’ambiente a 360°.

Rimani aggiornato sulle ultime novità
ISCRIVITI ALLA NOSTRA NEWSLETTER

Letta l'informativa sulla privacy ai sensi del Dig 196/03 e successive modifiche ed integrazioni, acconsento al trattamento dei dati personali per le finalità e con le modalità specificatamente indicate nell'informativa stessa.

Tutti i diritti riservati 2019 © - Powered by Mitesys Technologies System Security